A piccoli passi verso la delizia: il baccalà alla vicentina

Il baccalà alla vicentina

Noi veneziani abbiamo una particolare passione per il baccalà.

In un suo libro il mitico Giuseppe Maffioli scrive “Logico che la cucina veneziana …. abbia saputo comporre i suoi sapori con un particolarissimo potere di trasfigurazione adeguandoli ai momenti e alle occasioni più adatte e felici della nostra esistenza. Ma dove quell’alchimia avviene nel modo più straordinario é senz’altro nella cottura del baccalà, del nordico stoccafisso, che giunto da noi stopposo, legnoso e quasi repellente diviene uno dei piatti più succulenti della Regione”.

Print Recipe
A piccoli passi verso la delizia: il baccalà alla vicentina
Istruzioni
  1. Prendete il baccalà (mi raccomando stoccafisso ammorbidito almeno 4 giorni in acqua corrente), togliete le spine, ma, mi raccomando mantenete la pelle. Tagliatelo a pezzi. Infarinate ogni pezzo di baccalà.
  2. In un tegame fate soffriggere in burro e olio le cipolle tagliate finemente. Aggiungete le acciughe tagliate a pezzettini. Mescolate bene il tutto. A fuoco spento aggiungete il prezzemolo tagliato finemente.
  3. Imburrate abbondantemente una teglia da forno. Mettete sul fondo il baccalà infarinato. Pepate e salate (attenzione nel soffritto ci sono le acciughe). Spalmate sul baccalà il soffritto di cipolle, acciughe e prezzemolo. Coprite il composto di latte. Aggiungete il parmigiano grattugiato, per ottenere, a fine cottura una bella crosticina.
  4. Infornate a 160° nel forno preriscaldato. Cucinate per due ore. Servite caldo con la polenta.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *