Cuciniamo con passione per noi e per i nostri amici

Il saor – Istruzioni per l’uso

Il saor – Istruzioni per l’uso

Troviamo troppo spesso alcune “poltiglie indistinguibili”, spacciate come “saor alla veneta”.

Premesso che il saor era un metodo di conservazione dei cibi basato sull’acidità (aceto e cipolla), di seguito indichiamo alcuni principi base per cucinare un “buon saor”.

  1. la cipolla deve essere rigorosamente “bianca” (non rossa, non Tropea … vi prego!!!). Tanta cipolla -abbondate- affettata finemente.
  2. la cipolla va fatta appassire a fuoco lento in olio abbondante. Non va fatta bruciare. A fine cottura aggiungete l’aceto, le uvette, i pinoli.
  3. a questo punto bilanciate l’acidità con lo zucchero e il sale. Assaggiate, il buon saor deve essere molto bilanciato. Non siete i marinai delle navi della Serenissima Repubblica.
  4. deve restare un buon livello di liquidità, di olio e aceto e zucchero, perché il pesce fritto deve inzupparsi.
  5. friggete le sarde. Io aggiungo anche scampi e gamberi. Ottime anche le anguille più piccole fritte. Questione di gusti!!!

Mescolate alternando strati di cipolle e il pesce.

Consiglio: mangiatelo almeno due giorni dopo.


Related Posts

Il risotto con le verdure

Il risotto con le verdure

Confesso di non amare particolarmente il minestrone di verdure. Per carità, una buona ribollita la mangio con infinito piacere. Siccome mi é venuta voglia di risotto e abbiamo appena comprato molte verdure, ecco confezionato il risotto con le verdure. Di seguito le fasi di preparazione […]

Chioggia: il mercato del pesce e uno strano ristorante

Chioggia: il mercato del pesce e uno strano ristorante

Siete mai stati a Chioggia??? Se non  ci siete mai stati andateci. Non solo la Città é bellissima, soprattutto si compra e si mangia benissimo il pesce. Il filmato da una idea del mercato del pesce, andateci, ascoltate le voci, il dialetto, girate per i […]



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *