Il saor – Istruzioni per l’uso

Il saor – Istruzioni per l’uso

Troviamo troppo spesso alcune “poltiglie indistinguibili”, spacciate come “saor alla veneta”.

Premesso che il saor era un metodo di conservazione dei cibi basato sull’acidità (aceto e cipolla), di seguito indichiamo alcuni principi base per cucinare un “buon saor”.

  1. la cipolla deve essere rigorosamente “bianca” (non rossa, non Tropea … vi prego!!!). Tanta cipolla -abbondate- affettata finemente.
  2. la cipolla va fatta appassire a fuoco lento in olio abbondante. Non va fatta bruciare. A fine cottura aggiungete l’aceto, le uvette, i pinoli.
  3. a questo punto bilanciate l’acidità con lo zucchero e il sale. Assaggiate, il buon saor deve essere molto bilanciato. Non siete i marinai delle navi della Serenissima Repubblica.
  4. deve restare un buon livello di liquidità, di olio e aceto e zucchero, perché il pesce fritto deve inzupparsi.
  5. friggete le sarde. Io aggiungo anche scampi e gamberi. Ottime anche le anguille più piccole fritte. Questione di gusti!!!

Mescolate alternando strati di cipolle e il pesce.

Consiglio: mangiatelo almeno due giorni dopo.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *